[RINVIATO] : Aurora, Natura e Crescita personale: Lapponia 6-12 Marzo 2018

– Una tipica notte sulle rive del fiume Tornio –


 

VIAGGIO SOSPESO e RINVIATO
( per non raggiungimento del numero minimo di partecipanti )
Ci riproveremo il prossimo inverno!

 


VIAGGIO VINCENTE
ovvero un NUOVO modo di vivere la LAPPONIA
viaggiando dentro SÉ STESSI

 

Dal 6 al 12 Marzo 2018 
Gruppo da 6 a 14 persone
Mental Coach Massimo Binelli

 

Quota ALL-INCLUSIVE di 2990 €

 

Comprende i voli da Milano e tutte le spese sul territorio, cioè: 
vitto, alloggio, trasporti, attività, guide, accesso musei…
+ L’indispensabile abbigliamento artico +
+ La formazione del coach Massimo +
+ Le foto professionali del viaggio +
NB: escluse le bevande alcoliche

 

Iscrivendoti al viaggio riceverai un copia dedicata del libro “Atleta Vincente”
e grazie all’autore in persona potrai fin da subito applicare
le strategie e le tecniche per diventare un… Vincente!

 

Info e Prenotazioni
GIOVANNI GAMBACCIANI
Info@GiovanniGambacciani.com
TOUR OPERATOR 
Info@Lappone.com
MENTAL COACH MASSIMO BINELLI
Info@MassimoBinelli.it

 

Pagina aggiornata il 17 / 1 / 2018 


A chi si rivolge

Il Viaggio Vincente è rivolto a donne e uomini che vogliono migliorare sé stessi; a imprenditori, aspiranti imprenditori, manager e professionisti; ad atleti agonisti e ai loro preparatori, ma anche a chi pratica sport amatoriale o dilettantistico. È un’esperienza indimenticabile, adatta a tutti coloro che coltivano un sogno da tempo, e non hanno ancora trovato la forza di farlo diventare un obiettivo concreto a cui puntare, o che hanno una paura da superare.

Massimo ci aiuterà a individuare convinzioni, emozioni e pensieri che influenzano la nostra capacità di agire e di decidere con lucidità e prontezza, e ci insegnerà a trovare dentro noi stessi le risorse per crederci fino in fondo, per visualizzarci vincenti e per raggiungere in breve tempo risultati di grande successo in ogni ambito della nostra vita, privata, professionale e sportiva.

Questo viaggio sarà l’inizio di un percorso di successo…


La Filosofia

Era da molto tempo che mi frullava l’idea di “sfruttare” la potenzialità dell’ambiente artico al di là delle “solite” avventure fotografiche.

Mi sono detto e ridetto che quella Natura lì… quella del grande Nord, così particolare ed esotica per noi mediterranei… potesse diventare uno strumento per avviare un percorso personale alla ricerca di sé stessi!!! Mi sono immaginato di creare un viaggio che avesse lo scopo di staccarsi dal quotidiano, affrontare le proprie ansie, mettersi alla prova, e imparare a collaborare attivamente con gli altri. Un mix di team building, mental coaching e detoxing… così per usare delle “parolacce” care agli amici inglesi. 

E poi, in un giorno molto freddo, perché queste cose accadono sempre in giorni molto freddi, una chiacchierata che sembra innocua ti riporta a quell’idea lì, e ti fa capire che quel progetto si potrebbe fare per davvero, che ci sono le persone e le competenze per realizzarla, e che tutto sommato potrebbe coinvolgere tante persone…

Così, dopo quella chiacchierata, e dopo tante altre successive, ci siamo messi al lavoro per dare forma a questa cosa. Abbiamo messo insieme grandi professionisti, ognuno con le proprie competenze, e abbiamo creato questo viaggio tutto speciale, a cui è stato dato il nome di  “Vincente” in analogia al progetto AtletaVincente.com del mental coach Massimo Binelli, che tanto successo ha avuto negli ultimi anni tra gli sportivi italiani. E per “Vincente” non si intende qualcuno che supera gli altri in una competizione, ma uno che supera sé stesso in un percorso di miglioramento personale.

da un’ idea di :


Chi è il nostro mental coach Massimo Binelli

In questa avventura saremo accompagnati e guidati dal un professionista come pochi ce ne sono in giro, una persona che con la sua esperienza e il suo carisma ha saputo scrivere pagine di sport memorabili, e oggi, con i suoi metodi innovativi, sta permettendo a tante nuove leve di raggiungere risultati straordinari e spesso imprevedibili.

Sto parlando di Massimo Binelli che, dopo un passato da campione della Nazionale italiana di pesistica, oggi è affermato mental coach di atleti olimpionici e di top manager, nonché atleta vincente di atletica leggera tra i master. Il suo metodo di lavoro poggia le fondamenta sulla consapevolezza che sport e vita sono due facce della stessa medaglia, un approccio che aiuta le persone a esprimere tutte le loro potenzialità in ogni circostanza. Massimo qualche anno fa ha ideato il progetto AtletaVincente.com, il primo in Italia che sviluppa un programma di allenamento mentale completo per sportivi di ogni livello, cioè insegna le strategie che una persona può mettere in atto per arrivare all’eccellenza. Nel giugno di quest’anno ha poi pubblicato il libro che raccoglie e amplia il suo metodo e che si è rivelato fin da subito un best seller, andando esaurito più volte su tutti i canali di distribuzione.

E così, in quel fatato angolo di paradiso che si chiama Lapponia, isolati e disconnessi dal mondo reale, Massimo ci farà apprendere i suoi segreti, i segreti delle persone vincenti. Inizieremo un percorso di crescita personale e impareremo a dare il meglio di noi stessi, nello sport, nel lavoro, e nella vita!!! Ogni giorno affronteremo un tema, una “Pillola” estratta dal suo metodo, e ci impegneremo per mettere in pratica su noi stessi tali insegnamenti.


Come si svolgerà la GIORNATA TIPO e i TEMI del percorso di crescita

Ogni giornata sarà dedicata a un tema di crescita personale e caratterizzata da una parte teorica e una pratica. La mattina, dopo la colazione servita nella struttura che ci ospiterà, saremo guidati da Massimo, che ci introdurrà all’argomento del giorno e ci fornirà gli strumenti per affrontarlo nel modo corretto. Dopo questa lezione teorica, ci staccheremo dai telefonini e da ogni altro oggetto di comunicazione, usciremo e ci inoltreremo nella concreta, vasta e isolata realtà della natura artica, in cui l’ambiente di volta in volta si potrà rivelare amico o nemico, e in questo modo potremo applicare concretamente le lezioni apprese. Coach Massimo sarà sempre con noi e ci supporterà ora dopo ora, avventura dopo avventura.

Piano piano scopriremo l’abilità che ci permette di controllare i pensieri, per migliorare il nostro dialogo interno, quella “vocina silenziosa” che influenza la concentrazione, agisce sulla motivazione, potenzia o demolisce l’autostima. Poi impareremo a risvegliare la consapevolezza, per stimolare l’attenzione e per aumentare la concentrazione, quando devi dare il meglio di te in ogni circostanza della tua vita privata, professionale e sportiva. Parleremo di metodi per tenere sotto controllo la rabbia, l’aggressività, l’ansia e l’eccitazione; e di strategie efficaci per aumentare la motivazione e l’autostima. Infine, vedremo in che modo si può reagire a un insuccesso, quel maledetto passo falso che prima o dopo capita a tutti di affrontare.

In tutto questo non mancheranno i divertimenti e il relax, come non mancherà lo stupore per i paesaggi colorati dalla magica alba di mezzogiorno, o per i lampi di luce verde dell’Aurora.  Ci saranno le attività adrenaliniche con le slitte trainate dagli husky, i giochi di ghiaccio, le bevute e le ottime mangiate, e ogni attività sarà spunto di riflessione e di crescita. Sarà un percorso fluido e naturale, e alla fine ci troveremo diversi, probabilmente migliori, senza neanche rendercene conto.

Alla sera, rientreremo per il meritato relax, una doccia e una tipica cena lappone, e qui riprenderemo possesso dei nostri cellulari e dei contatti con il mondo quotidiano. Dopo cena, meteo permettendo, cercheremo di avvistare e fotografare l’Aurora Boreale. In alternativa, la tipica sauna finlandese sarà sempre a disposizione.


– A zonzo nell’immensità, trainati dai nostri amici Husky. Una delle cose più incredibili che si possano fare a queste latitudini e che faremo il terzo giorno del nostro viaggio –


ITINERARIO turistico e ATTIVITÀ in dettaglio (programma ancora soggetto a miglioramenti)

Giorno 1, martedì 6 Marzo – Benvenuti in Lapponia!
Arriveremo all’aeroporto di Kemi-Tornio, in Lapponia Finlandese, conosceremo le nostre guide, e insieme ci sposteremo di 80km (circa 1h) verso Hulkoffgården, che sarà la base del viaggio. Tutti i trasferimenti saranno garantiti tramite un veicolo privato, attrezzato per le dotazioni artiche e condotto da un esperto autista locale.
Hulkoffgården è una struttura agrituristica (vedi in dettaglio più avanti), gestita con amore da Pia e Kurt Hulkoff. Sorge in Svezia nella frazione di Korpikylä sulla riva destra del fiume Tornio, che segna il confine con la Finlandia. In questa incantata valle fluviale, si parlano due lingue, si utilizzano due monete e si vive in due fusi orari diversi!
Al centro della fattoria si trova l’area comune ed il ristorante, ricavati dalla struttura del vecchio granaio. Noi invece occuperemo in modo esclusivo una dolce ed accogliente villa in legno recentemente ristrutturata (si potrebbe dire che assomigli ad una baita montana). Le sistemazioni sono in camere doppie ed i bagni, le docce, e le saune sono solitamente in comune con almeno un’altra stanza.
All’arrivo prenderemo anche possesso del prezioso abbigliamento artico che ci consentirà di stare all’aria aperta senza problemi. Con un po’ di fortuna, questa sera, potremo già osservare la nostra prima Aurora Boreale.

Giorno 2, mercoledì 7 Marzo – La Lapponia tradizionale
Dopo abbondante colazione, la mattinata sarà dedicata all’introduzione al viaggio. Vi presenteremo il programma in dettaglio, focalizzandoci sia sulla parte del percorso personale sia su quello turistico, e vi spiegheremo come saranno gestite le giornate, e come si usano al meglio le tute artiche.
Dopo la prima pillola del nostro coach Massimo Binelli, inforcheremo gli slittini (detti “parkkari” in dialetto locale) e impareremo come ci si muoveva in Lapponia prima che esistessero le automobili. Percorreremo alcuni km nelle piccole e poco trafficate strade dei dintorni, fermandoci a un certo punto per fare un pranzo leggero al sacco e magari qualche foto.
Successivamente potremo passare del tempo libero nei pressi delle rapide di Matkakoski (facendo attenzione al ghiaccio, potrebbe essere molto sottile!).
In serata, rientreremo con gli slittini e potremo fare conoscenza con le renne che abitano subito dietro di noi. Impareremo da Kurt come questi simpatici animali sono stati (e sotto certi aspetti sono ancora) essenziali per la sopravvivenza dell’essere umano in queste zone dal clima così estremo. Potremo foraggiare le renne, che sono ancora allevate allo stato brado.
La cena sarà servita nell’ottimo ristorante dell’agriturismo. Seguirà una possibile osservazione dell’Aurora Boreale nei dintorni della struttura.

Giorno 3, giovedì 8 Marzo – A spasso con gli Husky
Dopo la colazione e la Pillola, partiremo per Lautiosaari (1h30’), dove ci attende un safari su slitta trainata dagli husky siberiani. L’esperienza è molto intensa, a contatto con questi meravigliosi animali e la natura incontaminata. All’arrivo, incontreremo la loro allevatrice lappone, di nome Ulla. I cani ululeranno e si agiteranno al vostro arrivo: non è un segno di minaccia, ma di volontà di entrare in contatto con noi ed iniziare il safari! Dopo una breve spiegazione sulle tecniche di guida e sulla sicurezza, inizieremo un meraviglioso viaggio attraverso la foresta innevata, che attraverseremo per circa 8-15 km.
Alla fine del safari, ci riuniremo nella Kota (la tipica capanna lappone della festa) dove potremo sorseggiare un caffè o un succo di frutta caldo. Parlando con Ulla, impareremo come si vive nell’Artico, e cosa significa allevare trenta cani! Data la localizzazione remota dell’allevamento di husky, il pranzo non potrà essere servito, ma vi forniremo uno snack da consumare durante il viaggio.
Nel pomeriggio, ci trasferiremo (circa 30’ di viaggio) al Lumilinna, il Castello di Neve di Kemi, dove potremo visitare liberamente la struttura, che ogni anno viene ricostruita con un tema diverso (il biglietto di ingresso è incluso nella quota). Potremo prendere un drink (non incluso) al bar del castello, servito ovviamente in bicchieri di ghiaccio! Condizioni permettendo, faremo anche una passeggiata sul mare ghiacciato, visto che di solito in questo periodo tutta la baia è congelata, onde comprese.
La cena sarà servita all’albergo di charme Haparanda Stadshotell, inaugurato nel 1900, e recentemente riportato allo splendore originale da un restauro attento. Il ristorante è rinomato per l’uso di ingredienti freschi, provenienti dalla zona. Quindi torneremo verso a casa (circa 30′), e cercheremo di uscire a osservare l’Aurora Boreale, qualora le condizioni lo permettano.

Giorno 4, venerdì 9 Marzo  – Giochi di ghiaccio e wellness
Dopo la colazione e la Pillola, passeremo una giornata sul ghiaccio! Armati di trivella e canna, raggiungeremo un luogo adatto, dove potremo cimentarci nel passatempo preferito dai lapponi: la pesca! Se darà risultati, assaggeremo il pesce più fresco della nostra vita. In ogni caso, sarà servito uno spuntino e un caffè.
Mentre ci godiamo l’incredibile panorama e l’energia della natura intorno a noi, proveremo la pratica dell’avantouinti, l’immersione nell’acqua ghiacciata, che, come provano studi medici, dà vigore ed energia.
Nel pomeriggio, visiteremo l’antico villaggio di pescatori di Kukkola, dove sono state ritrovate prove di insediamenti umani fin dal primo Medioevo. Grazie alla nostra guida, impareremo a fare il pane alla vecchia maniera e visiteremo gli edifici più antichi del paese.
In serata, ci aspetta l’esperienza di wellness più particolare della vita: alla tipica sauna finlandese, affiancheremo la vasca di acqua scaldata a legna (hot tub) con vista fiume. Cena a buffet nei locali della sauna, rientro in serata e possibile osservazione dell’Aurora.

Giorno 5, sabato 10 Marzo – È il giorno delle Motoslitte nell’infinità innevata
Dopo la colazione e la Pillola, è tempo di adrenalina! Inforcheremo le motoslitte (per guidarle è richiesta la patente B) e faremo un giro nella campagna intorno al villaggio di Korpikylä, in un tour di 4-5 ore dove potremo ammirare splendidi panorami, lungo le dolci colline che circondano la valle del Tornio. A tratti guideremo sopra il fiume Tornio ghiacciato e a tratti nel bosco. Le nostre guide garantiranno la totale sicurezza del percorso. Ogni motoslitta è guidata da una persona, con un passeggero che siede dietro. A metà strada ci potremo fermare a scattare foto e cambiare pilota.
Al rientro faremo un pranzo leggero alla brace, dopo di che il pomeriggio sarà dedicato alla sauna tradizionale. Situata in un piccolo edificio di legno senza elettricità né riscaldamento, la sauna deve essere messa a punto con una tecnica particolare, che impareremo. Nel contempo, avremo libertà di esplorare i dintorni.
La cena tipica è servita al ristorante della struttura, e sarà seguita da una sessione di osservazione dell’Aurora, tempo permettendo.

Giorno 6, domenica 11 Marzo  – Panorami artici e riti sciamanici
In mattinata, dopo colazione, inizieremo un giro itinerante lungo la pittoresca val di Tornio. Visiteremo punti panoramici, il punto in cui il Circolo Polare Artico attraversa il fiume, nonché antiche chiese in legno, e una fabbrica artigianale di souvenir dove potremo imparare a fare la nostra kuksa (la tazza di legno tipica lappone).
In serata, ci avvicineremo alla millenaria cultura sciamanica della Lapponia. Dopo averci riunito intorno al fuoco, la sciamana leggerà il messaggio che le trasmette l’energia che si sprigiona dal nostro corpo. L’esperienza è emozionante, intensa e positiva – il modo migliore per concludere in bellezza la nostra vacanza in Lapponia!
La cena di commiato sarà servita al rinomato ristorante dell’agriturismo di Hulkoffgården.
Al rientro, potremo fare una sessione di osservazione dell’Aurora, qualora si presentino le condizioni ideali.

Giorno 7, lunedì 12 Marzo  – Arrivederci Lapponia!
Colazione e saluti del nostro Coach. Trasferimento in minibus all’aeroporto.
Fine del tour.


Il programma riportato in questa pagina corrisponde a un viaggio prodotto, organizzato e gestito in ogni suo aspetto dal Tour Operator Svedese LappOne – The Five Senses Of Lapland – www.lappone.com (by Monny AB, Korpikylä 197, 953 93 Karungi, Svezia, Swedish org. n. 556855-5790, VAT n. SE556855579001, è una società per azioni di diritto svedese). I dettagli del viaggio sono riportati su questo sito in nome e per conto di LappOne/Monny AB che sarà l’unico referente per le adesioni e il pagamento dei servizi di seguito riportati. LappOne/Monny AB è un tour operator condotto da italiani che vivono in Lapponia. È nato nella primavera del 2011 per creare proposte di viaggio esclusive e su misura, per qualsiasi tipologia di clientela che voglia visitare la Lapponia durante tutto il periodo dell’anno.

– Gli Orsi Bianchi di Ranua – Uno gruppo prima della pesca nel ghiaccio – Una sessione fotografica notturna di fronte ai nostri Cottage – Copyright di queste immagini, Zoo Ranua, Tiozzo, LappOne –


QUOTA di PARTECIPAZIONE di € 2990 ALL INCLUSIVE*

Gruppo da 6 a 14 partecipanti adulti (cioè: no minorenni), in buone condizioni fisiche, visto l’impegno richiesto da alcune escursioni. In ogni caso, nessuna attività è obbligatoria e a coloro che non se la sentissero di prendervi parte verranno proposte adeguate alternative.
* il prezzo finale sarà soggetto a riconferma in base all’eventuale aumento delle tariffe aeree

LA QUOTA di PARTECIPAZIONE INCLUDE
I voli andata e ritorno da Milano Malpensa per Kemi/FIN (per il dettaglio e altre soluzioni vedi sotto).
Tutti i pernottamenti come descritti. La sistemazione prevede camere doppie condivise, in villa rustica all’interno di autentica fattoria svedese di HulkoffGarden, con servizi condivisi.
Tutte le colazioni e tutti i pasti indicati comprensivi di bevande analcoliche e caffè o tè.
L’accompagnatore turistico italiano a disposizione durante tutto il soggiorno.
Il fotografo a disposizione durante tutto il soggiorno e le foto del viaggio stesso.
Tutte le escursioni e le attività elencate (ad esempio il safari con gli husky).
Gli ingressi alle attrazioni e le visite menzionate.
L’assicurazione RC per la motoslitta + minikasko con franchigia da € 1000.
Tutti i trasferimenti in minibus privato comprensivo di autista locale e carburante.
Il noleggio di indumenti tecnici termoisolanti per tutta la durata del tour.
Il supporto a tempo pieno del mental coach Massimo Binelli.

LA QUOTA di PARTECIPAZIONE NON INCLUDE
Le bevande alcoliche o i soft drinks (anche durante i pasti).
L’assicurazione medica e/o di viaggio individuale (facoltativa).
Tutto ciò che non è esplicitamente menzionato nel programma.

SUPPLEMENTI
Soggiornare in camera singola (massimo 4 alloggi): + € 350
Soggiornare in miniappartamento semi-indipendente con 4 posti letto e WC con doccia privato: + € 290 CAD
Volare sugli aeroporti di Oulu, Lulea, Rovaniemi –> Trasferimento extra di € 600 a gruppo (vedi sotto)

TERMINI DI PAGAMENTO (Gestito unicamente dal TO LappOne)
Versare il 30% alla conferma (caparra rimborsabile in caso di annullamento da parte del TourOperator).
Versare il restante 70% quindici giorni prima della partenza.

EXTRA facoltativi da VALUTARE
Per pochi euro in più si possono acquistare le seguenti assicurazioni che, in caso di imprevisti, potrebbero permettere di risparmiare o recuperare quanto investito:
* Assicurazione medica individuale (che copra subito tutte le spese mediche e nel caso estremo anche il rientro a casa);
* Assicurazione sui costi di viaggio (che risarcisca, per esempio, in caso di annullamento del viaggio da una delle parti, o della compagnia aerea, o per causa di forza maggiore).


I VOLI AEREI

La quota di partecipazione comprende il volo tra Milano Malpensa. Nel caso che questa partenza non sia la soluzione più comoda, è possibile prendere altri voli da altri aeroporti, sia per raggiungere Milano ed aggregarsi al gruppo principale sia per raggiungerci direttamente in Svezia. Grazie all’aiuto del nostro Tour Operator LappOne, sarà ricalcolato il costo totale del pacchetto in modo da venire incontro alle vostre esigenze. Quindi scriveteci senza problemi. Sottolineo però che con itinerari differenti da quello predefinito, e con eventuali transfer aggiuntivi, il costo totale del viaggio potrebbe crescere rispetto a quello indicato nel pacchetto base.

VOLI COMPRESI NEL PACCHETTO: FinnAir da Milano MALPENSA
Martedì 6/3/2018 ANDATA: Milano MPX >> Helsinki >> Kemi
Partenza alle 18.55 (AY1756) e arrivo alle 01.15 (AY519) con coincidenza di 45 min.
Durata complessiva 5 ore e 20 min

Lunedì 12/3/2018  RITORNO: Kemi >> Helsinki >> Milano MPX
Partenza alle 5.25 (AY520) e arrivo alle 10.10 (AY1751) con coincidenza di 1 ore e 10min.
Durata complessiva 5 ore e 45 min


Hulkoffgården – La fattoria svedese meta del nostro soggiorno

Quella che vedete nel collage di immagini è la struttura agrituristica di Hulkoffgården gestita da Pia e Kurt e sarà la base per il nostro viaggio. Si trova in prossimità della riva svedese del fiume Tornio, in un angolo fatato di mondo. Durante questo viaggio, soggiorneremo in una casetta gialla a due piani che sarà completamente a nostra disposizione. È realizzata in caldo legno, a un centinaio di metri dall’edificio principale della fattoria, e attigua al recinto delle renne (le vedremo anche dalle finestre). All’interno, è tutto finemente curato e arredato da Pia con materiali tradizionali e molto accoglienti. Sia le zone comuni sia le camere da letto sono delle vere chicche, dotate di ogni comodità ma in stile tradizionale.

Nel lodge sono anche presenti ben due saune. La prima è dentro l’edificio giallo ed è grande e alimentata elettricamente, quindi potrà ospitarci senza dover uscire all’aperto. Poi in una casetta attigua a pochi metri di cammino nella neve, ce n’è un’altra più piccola e intima alimentata a legna. In questa casetta indipendente e sempre in legno, c’è una stanza con ampie finestre che ci permetteranno di osservare il panorama protetti dal tepore e, se siamo fortunati, anche la magia dell’Aurora. Le colazioni e le cene saranno servite nell’edificio principale e saranno prodotte esclusivamente con le materie prime della fattoria, quindi sia le carni sia le verdure sia i dolci sono quanto di più genuino e sfizioso si possa immaginare, nel rispetto delle tradizioni della Lapponia svedese. Pia e Kurt sapranno farci sentire a casa più che a casa nostra. Personalmente devo ammettere di amare molto questo luogo ed i suoi depositari. Ci sono davvero pochi posti dove si riesce a percepire così forte questa sensazione di familiarità e di serenità, ed è per questo che nei nostri tour quando siamo in questa zona, cerchiamo sempre di fermarci da Pia e Kurt. Sono diventati loro stessi, un monumento a questa Terra meravigliosa.


Le CONDIZIONI AMBIENTALI ATTESE
Inutile dire che questi luoghi sono tendenzialmente molto freddi, e anche a Marzo troveremo un paesaggio completamente innevato. Questo non ci impedirà di fare attività all’aperto, sia con la luce del giorno artico sia con l’oscurità della notte. Dovremo quindi attrezzarci con l’abbigliamento termico più adeguato possibile. Per questo motivo nei nostri viaggi mettiamo sempre a disposizione (compresi nel prezzo) degli indumenti specifici, cioè delle tute artiche molto ben imbottite, e relativi stivali. Sono le stesse tute che usano gli abitanti di queste zone per andare in motoslitta, fare escursioni o semplicemente lavorare all’esterno. Ci verranno consegnate all’arrivo in base alle nostre taglie (da comunicare prima di partire) e ci aiuteranno a stare all’aria aperta, e soprattutto ad aspettare l’Aurora durante le ore notturne. Consigliamo in ogni caso di portare con sé abbigliamento tecnico da montagna da tenere sotto alle tute o all’interno degli edifici.
Il meteo però può cambiare velocemente e in certe situazioni essere anche avverso. Per cui gli spostamenti, le sessioni fotografiche, le escursioni, i safari potrebbero essere riadattati in base alle condizioni ambientali.  Le temperature esterne attese oscilleranno tra -15°C e +5°C.
Anche per l’attrezzatura fotografica è necessario fare particolare attenzione quando si passa dall’esterno che è freddo all’interno degli edifici che è caldo e umido, poiché si può formare della condensa. Quando saremo sul posto vi ragguaglierò sul modo giusto di comportarsi in questi ambienti, ma sicuramente conviene intanto che vi leggiate questa mia guida, e che poi evitiate di esporre la macchina a bruschi sbalzi termici e portarsi dei panni in micro-fibra per poter rapidamente rimuovere le goccioline di condensa che si formeranno sulla macchine e obbiettivi.


Il CIBO e le STRUTTURE in LAPPONIA
In Lapponia si mangia generalmente bene, e in particolar modo nei posti dove vi porteremo noi. I lapponi amano godersi la vita anche a tavola, e anche se faremo la spesa e cucineremo noi, avremo ampia scelta di ottimi cibi. Certamente la varietà non è quella della cucina italiana e la maggior parte dei piatti ruota intorno alla carne (squisita è quella di Renna) e al pesce (spesso di fiume o lago). Poi ovviamente patate, funghi, latte e formaggi, frutti di bosco eccetera. Questo è il loro cibo tradizionale ed è bello immergersi anche a tavola nella loro tradizione adeguandosi ai loro usi e costumi. Roba da leccarsi i baffi, credetemi. Nel caso abbiate intolleranze o regimi alimentari particolari dovete, comunicarcelo per tempo.  Gli alberghi, le guest house o i cottage sono semplici, ma accoglienti. Assomigliano, come idea, alle nostre baite di montagna, il legno è di gran lunga il materiale più usato. E poi non mancano mai le saune, e spesso potremmo provare anche le hotpool cioè le piscine esterne con l’acqua calda, o le kota, stanze barbecue adibite alle cene conviviali. Le abitazioni sono generalmente molto ben riscaldate (anche troppo, secondo alcuni), e quindi all’interno si può tranquillamente stare in maglietta o comunque con abbigliamento leggero.


La VALUTA
La Svezia usa la Corona Svedese, mentre la Finlandia usa l’Euro. In questo viaggio NON vi consigliamo di dotarvi di valuta locale, cioè di corone Svedesi, prima della partenza. Infatti questo pacchetto copre già tutte le spese sul territorio, e non dovrete quindi spendere per altre cose particolari. In più, nel caso vogliate acquistare qualche ricordo o souvenir vi conviene farlo in Finlandia dove c’è l’Euro e dove tutto costa un poco meno. In generale comunque vi converrà acquistare con le carte di credito che sono accettate ovunque, anche per piccoli importi. Nel caso in cui uno volesse dotarsi di contanti in valuta locale, anche solo per un ricordo ulteriore del viaggio, il modo più facile è quello di prelevare a uno dei numerosi bancomat locali, con una carta del circuito Cirrus o Maestro, che permette di utilizzare lo stesso codice PIN a cinque cifre che si utilizza in Italia. Tali carte si possono spesso utilizzare anche per i pagamenti nei negozi, come carte di debito, anche se è consigliabile per sicurezza di dotarsi di una carta di credito (Visa, Mastercard, American Express o Diners).


SICUREZZA delle ATTIVITÀ ed ESCURSIONI
Tutte le attività proposte si avvalgono dell’assistenza di esperte guide della zona che ne garantiscono lo svolgimento in condizioni di massima sicurezza. Ci riserviamo il diritto di modificare i percorsi o di cancellare le escursioni qualora le condizioni climatiche non permettano lo svolgimento di tali attività.


RISCHI e PERICOLI in LAPPONIA
La Lapponia ed in generale i Paesi scandinavi sono tra le zone più sicure al mondo, in particolare per quanto riguarda la criminalità comune. Tuttavia, le distanze, il clima e l’isolamento impongono delle precauzioni. In generale, in inverno, occorre porre attenzione all’abbigliamento, che deve essere tecnico e consentirvi di sopportare agevolmente temperature che scendono talvolta fino a -40 gradi (ricordo che l’organizzazione per questo viaggio metterà a disposizione le tute artiche, ma non vuol dire che non dovete portarvi da casa abbigliamento per il freddo estremo). Le case sono generalmente molto ben riscaldate e quindi è importante vestirsi in modo da poter rimanere in maglietta o comunque con abbigliamento leggero all’interno degli edifici. Le escursioni all’aperto possono portare a situazioni di pericolo dovute al clima: seguite sempre le istruzioni delle guide, e non esitate a segnalare situazioni di disagio fisico (l’ipotermia si manifesta a temperature ben sopra allo zero). Non avventuratevi in escursioni che richiedono sforzi notevoli se non vi sentite bene. L’acqua del rubinetto è potabile ovunque. Non lo sono, invece, le acque di laghi e fiumi, per quanto cristalline possano apparire, e quindi vi sconsigliamo di berle. Nel consumare carne e pesce, attenetevi ai metodi di preparazione tradizionali.


SPINE e RETE ELETTRICA
In Svezia la corrente elettrica è identica alla nostra (voltaggio e frequenza), per cui qualunque apparecchio di casa nostra continuerà a funzionerà perfettamente. Invece per le prese elettriche c’è da ricordare che gli Svedesi usano le schuko cioè quel tipo di prese tonde, grosse ed incassate con 2 fori e 2 linguette. Sono le stesse che si usano anche da noi per gli apparecchi ad alto assorbimento (ad esempio gli elettrodomestici). Per cui, tutti i cavi, le prese ed i trasformatori USB vari, tipo quelli per il cellulare che abbiano 2 pin, si infilano senza problema, quelli a 3 non vanno. Nel caso che abbiate molte cose da ricaricare, tipo cellulare, computer, tablet, rasoio, macchine fotografiche, telecamere eccetera, conviene che vi portiate una ciabatta o più semplicemente una multipla compatibile con la schuko, o un adattatore da schuko a spina 3 pin italiana.


Consigli FOTOGRAFICI/ATTREZZATURA
Per chi vuole sfruttare la bellezza dei luoghi e delle avventure di questo viaggio anche come fonte di ispirazione fotografica, ho preparato qualche breve consiglio, perché le condizioni ambientali, sia in termini climatici sia di luce, sono molto particolari e diverse da quelle a cui siamo abituati noi in italia o comunque nell’Europa del sud, e richiedono un minimo di preparazione. Quindi per prima cosa è necessario scegliere bene l’attrezzatura che si porterà con noi, cercando di soddisfare due esigenze diverse tra loro. Da un lato, le foto ai panorami durante il Giorno Artico; dall’altro, le foto notturne all’Aurora Boreale.

Per il primo tipo, cioè le foto durante il giorno, che poi è un lungo crepuscolo o un’alba permanente, i requisiti non sono poi così stringenti. La luce non sarà mai molto forte, e mai verticale o diretta, per cui basterà avere ottiche di media luminosità, ad esempio degli f4, alzare un poco gli Iso (fino 400 o 800) e/o affidarsi al treppiede. Se disponete di ottiche più luminose cioè f2.8 o inferiori certamente avrete qualche vantaggio in alcune specifiche situazioni (ovviamente a scapito del peso). Come lunghezze focali vanno bene le lunghezze standard. Direi che un classico 24-105 può andare più che bene per tutto il viaggio. Non servono infatti grandangoli particolarmente spinti, mentre invece potrebbe essere utile portare un tele zoom, tipo un 70-300, o un 70-200 per fare foto di dettaglio, ma anche foto agli animali e a certi panorami in campo lungo. Infatti si sta spesso in spazi molto ampi, senza barriere e quindi si possono fare interessanti foto di paesaggio anche con queste focali. In ogni caso, come regola generale, nel dubbio meglio essere leggeri e essenziali che caricarsi di troppa roba.

Invece per la notte la cosa è più complicata, perché l’Aurora non si lascia catturare facilmente. È necessario avere almeno una lente dedicata, cioè serve portare almeno un grandangolo molto grandangolare e molto luminoso. Nelle buone serate, quando l’Aurora è forte, si riesce a scattare sui 3200 iso, f2.8, 10-20 s. Se la lente non è almeno 2.8 si è costretti al alzare iso e/o ad allungare i tempi con effetti molto negativi sui risultati finali. Come lunghezze focali bisognerebbe stare tra i 14 ed i 20 mm per riuscire a inquadrare una sufficiente fetta di cielo. Ovviamente, portando questa lente dedicata per l’aurora, vi troverete servito quel grandangolo spinto, che potrebbe servirvi per qualche inquadratura durante il giorno. A questo Post trovate una ampia guida a come fotografare l’aurora e maggiori dettagli sulle ottiche adatte a tale scopo.

Per quanto riguarda i filtri, l’unico che davvero potrebbe risultare utile potrebbe essere l’ND graduato. Avere un graduato aiuta a compensare l’esposizione durante il giorno artico quando il sole è subito sopra o subito sotto l’orizzonte, e talvolta per scurire il primo piano nelle foto dell’aurora. Filtri come il polarizzatore o il big-stop non servono praticamente mai, perchè non avremo mai abbondanza di luce per usarli.

Attrezzatura INDISPENSABILE:
* TREPPIEDE: è impossibile fare foto all’Aurora senza un solido supporto, e anche di giorno, con la luce artica, è meglio evitare di scattare a mano libera se possibile.
* BATTERIE EXTRA: indispensabile portare sempre con sé varie batterie, perché con il freddo si scaricano in fretta.
* LUCE FRONTALE: è necessaria quando ci si sposta di notte, magari in mezzo alla neve, e si deve sistemare il cavalletto e la fotocamera.
* ZAINO di QUALITÀ:  è importante potersi spostare con facilità e sicurezza, proteggere l’attrezzatura dalle intemperie, e avere spazio extra per contenere acqua o bevande calde, cibo (tipo cioccolato e frutta secca), guanti, cappello, la torcia. È quindi importante che lo zaino sia di qualità, tenga bene la pioggia o abbia la copertura, e più in generale che possa essere appoggiato nella neve senza patemi.
* SACCHETTI PROTETTIVI: per evitare la condensa quando si rientra al caldo del cottage. Vedi questa mia guida.
* PANNI in MICROFIBRA: per ripulire l’attrezzatura, e assorbire la condensa. Vedi questa mia guida.

NOTA: Quando parlo della lunghezza focale delle lenti, mi riferisco al formato 135mm/FullFrame. In caso di sensori APS-C, Micro 4:3, o altro dovete fare le opportune conversioni.

– Un esempio di cosa può fare la meravigliosa luce artica tra le colline innevate –


 

 

—     CONDIVIDI QUESTA PAGINA    —

This entry was posted in FOTO TOUR 2018.

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*